Insalata di cavolo cappuccio bianco con germogli di porro e salsa di yogurt


16 maggio 2014

 

Sin da piccola ho avuto una spiccata passione per il giardinaggio. Trascorrevo delle ore a coltivare il mio giardinetto munita di picozza e guanti a fiori. Piantavo ogni settimana nuovi fiori… dopo pochi giorni i poveretti non potevano reggere il troppo amore e ….la troppa acqua! La situazione non è migliorata crescendo…non ho mai sviluppato più di una falange verde! Dopo l’ennesimo bulbo di tulipano mai nato e cactus esploso (e non in senso figurato!), mi sono decisa ad apprezzare l’effimera bellezza dei fiori recisi…

Fino a che qualcosa ha risvegliato le mia antica passione: i germogli!

Sono assolutamente tra gli ingredienti più ‘cool’ del momento: sono indiscutibilmente belli,  una fonte unica di enzimi, vitamine, sali minerali e mettono d’accordo sia i ‘radical veg’ che gli chef più sofisticati. Se una volta si potevano trovare solo nei negozi bio, oggi si possono comprare in comode vaschette nel banco delle insalate dei più comuni supermercati.

On line si trovano tantissimi siti che vendono a prezzi del tutto accessibili (li voglio! li voglio! li voglio!) i semi e i kit di germogliazione accompagnati di manuale di istruzione (o distruzione per dirla come me la dicherebbe Levante!). Si posso crescere i germogli più svariati: aglio, broccoli, crescione, cipolla, erba medica (Alfalfa, forse la più conosciuta), soia verde, fieno greco, finocchio, grano, lenticchie, piselli, porro, ravanello, rucola e senape gialla. Ognuno di questi richiede un germogliatore appropriato: di plastica, di vetro, a 2-3 livelli…

Insomma troppe variabili in gioco e un margine di insuccesso troppo elevato per rischiare ancora una volta di ferire il mio orgoglio green: decido di comprare i germogli (…per ora).

La scelta ricade sui germogli di porro che hanno un seme nero e di piccole dimensioni e un gusto ed un aroma molto deciso, simile all’erba cipollina.

Sono ricchi in vitamina A, B, C, E, calcio, fosforo, ferro, zolfo e magnesio e sembrano favoriscano l’abbassamento del colesterolo, rafforzino il sistema immunitario e risultino efficaci anche come tonico nervino…e tutto in un solo minuscolo germoglio!Ecco qui la ricetta in cui li ho utilizzati: un’insalata bellissima di cavolo cappuccio bianco e salsa allo yogurt

Ingredienti:

mezzo cavolo cappuccio bianco

30g di germogli di porro

1 vasetto di yogurt greco naturale (125g)

1 cucchiaio da zuppa di zucchero

2 cucchiai da zuppa di aceto balsamico bianco

Tagliare il cavolo cappuccio in 2 metà. Tagliare solo una parte al coltello creando delle striscioline sottili. Unire i germogli di porro.

In una ciotola mescolare lo yogurt, lo zucchero e l’aceto balsamico in modo da ottenere una salsa liscia e omogenea. Versare la salsa sull’insalata e mescolare delicatamente per non danneggiare i germogli.

 

 
Posted in insalate | Tag , , | Commenti



Questo post è stato pubblicato nella categoria insalate. Segui i commenti con questo RSS. Lascia un commento o un Trackback URL.

Nessuno commento


Lascia un commento

 

RSS blog RSS comments Go to English

  RICERCA  


  Archivio  







  Categorie